giovedì 2 settembre 2010

I soliti gnomi

Benvenuti a Collinwood

Trama: Ogni giorno ad Hollywood uno sceneggiatore si sveglia e deve fare un remake. Ogni giorno, in tutto il resto del mondo, un regista di sveglia e ha paura che ad Hollywood facciano un remake del suo film. Non importa che tu sia George Cloony, puoi anche fare Totò, se capita.

Allora. Togliamo la maschera. Io non sono un patito dei film "storici" italiani. E vi dirò di più, non ho mai amato alla follia nè Totò, nè DeFilippo, tantomeno Albertone, Ciccio& Franco e Manfredi. Ignoranza? Forse. Insomma, già solo dire di non amare Albertone farebbe di me una vittima sacrificale pagana per la maggiorparte degli italiani, dire che non ami Totò fa di te un traditore della Patria, uno sporco traditore del tricolore, dell'italica risata, della Commedia all'Italiana.
Ma io voglio essere sincero con voi, io non ho visto tutti i film italiani "da vedere", anzi sai che c'è.. nn mi piace neanche..Fellini!
Insomma, lapidatemi, ma di film italiani "vecchi" (commedie, drammi, tragicomici.. random, appunto) che davvero mi hanno "aggiunto un pezzo" (come i grandi film fanno) non posso dire che ce ne siano tanti: - La grande guerra - Il boom - I soliti ignoti - la banda degli onesti - Miracolo a Milano - Il sorpasso - Ladri di biciclette... poi? Poi Roma Città Aperta (ehi, pupa, lo sai che mio nonno ha prodotto Roma Città Aperta... sì sì. Nonno Broccolo... Non ci credi? Eppure...). Insomma, il neorealismo e tuttoquanto, massimo rispetto, non voglio iniziare la bagarre sui massimi sistemi.. però insomma, che ve devo dì, io quando beccavo Totò su rete4 (quindi vuol dire una sera sì e una no, dove quella no c'erano Bud SPence e Terence Hill in Trinità, mai visto manco quello) cambiavo canale. Posso essere ancora dei vostri? Italiano intendo... No? Vabbè sticazzi...

Comunque, polpettone all'italiana, come dicono i dementi, per dire che questo film è il remake americano de I soliti ignoti. E lo sapete la cosa peggiore qual è? è che è il remake de I soliti ignoti. Bene, bravi, allora guarda, fate il remake di Umberto D, ma Umberto fatelo fare a Will Smith (oddio, ho cercato la cosa più assurda e mi accorgo che ci ha già pensato Muccino).
Cioè, solo perché tu pensi all'originale che ti piglia il vomito, se pensi che Clooney appare per totale 1:24 minutosecondi solo per racimolare spettatrici e fa la parte che era di Totò. Solo per quello. Insomma è il confronto che spaventa, perché preso per quello che è, un filmetto su una criminalità disorganizzata, la cosa si incastra pure bene, è ritmato e gli attori ben rodati, e poi a Sam Rockwell gli si vuole bene sempre. SE guardi il film e lo estrapoli dalla parola "remake", scommetto che ti piace pure.

Hollywood, ma insomma che aspetti? A quando il remake di Vita Smeralda?

4 commenti:

  1. Hahaha per Vita Smeralda.
    Pure io Totò... 'nsomma. E pure fellini, a parte i vitelloni...
    Ma davvero tuo nonno?

    RispondiElimina
  2. heheh sapevo che avresti colto... :)

    RispondiElimina
  3. a proposito... sì è vero. un giorno ti racconterò...

    RispondiElimina
  4. http://www.ovimagazine.com/art/232
    Tuo nonno?

    RispondiElimina