venerdì 6 marzo 2015

• FILM CHE LA BARCA VA •


giovedì 5 marzo 2015

Armani armate

A Most Violent Year
Trama: New York siti

Cosa sta succedendo? Hollywood muore? Si fanno troppi film? Il fatto che il botteghino cinese abbia guadagnato più del botteghino americano è un campanello d'allarme anzi d'allalme? 
Io so solo che ho davvero pochissimo da dire su questo film, e, ancora peggio per me, nonostante la sua scarsezza il film non regala neanche le solite sponde su cui lanciare invettive, battute, sarcasmo gratuito, gif animate, illustraposter... manco un bel titolo per il post mi è venuto fuori, pensa che film inutile. 
Un film che non esiste. Piatto, stanco, recitato a metà (Jessica Chastain ha fatto un'involuzione non da poco, da star di prim'ordine con 7 film all'anno e doppie candidature a film di poco conto o comunque in disparte... dài Jessica dài [cit.]). 
È la storia di questo tizio (che doveva essere interpretato da Javier Bardem ma poi ha litigato col regista forse perché non lo faceva pettinare e vestire da scemo, dice Wikipedia, quante ne sa Wikipedia...) che vuole espandere il suo business senza scendere a patti con la dilagante criminalità della NY anni 80 però poi alla fine ci devi scendere a patti con la dilagante criminalità della NY anni 80 che Quei Bravi Ragazzi non ti ha insegnato nulla? E Scarface? E tutti gli altri film del genere tra cui quello con la locandina quasi identica?
Ovviamente il cast è un pretesto per unire 'sti due attori molto fascinosi, sperando probabilmente di farli accoppiare anche fuori dallo schermo, e farli recitare tutto il tempo in cappottoni di cammello Armani tutto il tempo
o, nel caso di lei, che fa la solita moglie di quello ricco che prima si gode i soldi del marito senza fare domande poi quando qualcuno inizia a fare delle violenze si incazza e poi si scopre più criminale di lui a ripulire i soldi (praticamente Skylar) e spesso va in giro - sempre per qualla cosa che il film sembra più un catalogo di moda che altro - con le sise mezze di fuori ma con effetti abbastanza poverelli visto che se c'è una cosa in cui Jessica è deficitaria sono proprio le sise
E basta. No davvero, non ho niente altro da dire. Non posso neanche dire di essermi propriamente annoiato, ci sarebbe stato di che arrabbiarsi come la scorsa settimana, ma la piattezza di quello che ho visto ha intorpidito anche l'ormone della rabbia critica.
Basta pensiamo a questo
e scordiamoci 'sto film.

mercoledì 4 marzo 2015

Past & Furyous

Fury
Trama: Tank you very much

Ricorderete tutti la bellissima illustrazione che l'illustrissimo Mauro Gatti realizzò per la sua recensione di Fury. 
Ecco, ricordatevela QUI.
Ora ho visto anche io Fury. Nonostante dovesse uscire qualche settimana fa, in contemporanea con il film sulla guerra della moglie Angelina, creando di fatto una guerra tra ricchi al botteghino italiano (avrebbero sicuramente fatto duemila lire la prima e diecimilalire il secondo) e poi non è più uscito perché è fallita la casa di distribuzione italiana (annamo bene), e adesso sembra che uscirà a Giugno (chissà quanto è costato poco, non vorrei fare il menagramo d'un menagramo ma secondo me 'sto film si porta dietro un po' di zella, sarà colpa di Shia LeBouffon, e non uscirà manco a giugno...).
Insomma ammetto che l'entusiasta recensione di Gatti mi aveva alzato l'hype (si sa che i gatti su internet vanno fortissimo) ed ero partito con le migliori intenzioni, cancellando a forza la sensazione di "ma che è Aldo Raine su un carroarmato?", e se da una parte tutto quel sangue di cui parla lui c'è, e il film non è male, ci sono anche le cannonate laser. 
Ecco sì, ci sono i laser, rossi quelli dei tedeschi e verdi quelli degli alleati. Ora io in guerra non ci sono stato e neanche su un carro armato ci sono mai stato, ma non mi ricordo di questa cosa dei raggi laser... boh...
Comunque bisogna dare atto al film di essere abbastanza pulito, cioè è sporco di sangue e fango come dice Mauro, ma pulito nel senso di asciutto, secco nel raccontare niente di più e niente di meno di quello che si era prefissato: la vita (e la morte) dentro una scatola di metallo, praticamente una bara coi cingoli, di questo gruppo eterogeneo (ecco, magari alcuni personaggi sono un po' stereotipi) di soldati, ognuno con la sua natura ma tutti in fondo pronti a sacrificarsi per un bene superiore o anche solo per il loro capitano pettinato molto bene. Insomma ci vuole coraggio a stare tutto il giorno con Shia LeBouffon che pare non si lavasse MAI durante le riprese per far vedere che era l'attore più dedito e quindi faceva diventare il carro armato una scatola di sardine andate a male dopo dieci minuti attentando alla vita degli altri attori.
12tumblr m7mzkwh7i01r7bmylo1 500
Quindi il Chicken se lo piglia, ma non penso di saper ricordare anche una sola scena del film da qui a due/tre mesi, e io ho una buonissima memoria, magari a Giugno, quando forse esce, lo andrò a vedere pensando di vedere un film nuovo.
A proposito di Nazisti e Fury, voi questo - che gira da tempo e lo so - lo avete visto... VERO?!

Comunque siccome non voglio farmi dire sempre dalle lettrici che metto troppe foto e gif di donnine nude che poi sono gelose adesso vi beccate la BIOGRAGIFIA di Brad; sapete che mi è presa questa cosa di mettere la filmografia della gente formato gif, dura quanto mi pare e alcuni li salto che tanto non se li ricorda neanche lui, questa già potrebbe essere l'ultima che 'sto tizio fa film da vent'anni, pensa se un giorno mi viene in mente di farla di Robert DeNiro, ovvimaente l'unico fine è di bloccarvi i computer:

Brad Pitt Johnny Suede animated GIF




Brad Pitt Brad Pitt Gif animated GIFBrad Pitt Brad Pitt Gif animated GIF




Babel Brad Pit animated GIF
Brad Pitt David Fincher animated GIF

Brad Pitt Maudit animated GIFBrad Pitt Fantastic Films animated GIF
Brad Pitt Movies animated GIF12 Years A Slave Benedict Cumberbatch animated GIF
A voi vi piace più bamboccione o più barba incolta? Ah, interessante.
Ho appena pensato che Carlo Verdone potrebbe fare il remake italiano del film, tutti i personaggi nel carrarmarto li fa lui e il capitano, ovviamente, non può che essere:

martedì 3 marzo 2015

Poker di J

Wild Card
Trama: Bue di picche

Stazzam caro. Io a te ti voglio tanto bene. Ti devo tanto e non lo dimentico. Mi hai dato nome:

e natali...

e con tutti quei botti anche qualche Capodanno.
Ma così non può andare avanti.
Io li vedo tutti i tuoi film, li vedo sempre tutti tutti, che se faccio la lista di film che o fanno Crank o fanno  crick sono troppi quelli miserrimi. Sono diventati più quelli inutili che quelli utili. Utile. Utile. Utile. Inutile. Inutile. Inutile. Inutile. Inutile (quello della rapina). Inutile (quello delle corse). Inutile. STRAinutile.
Dobbiamo parlare io e te. Sediamoci e parliamo, non prendiamoci solo a sediate.
Tu all'inizio sei stato un protegè di Guy Ritchie e quello non ti faceva neanche menare le mani, quindi capisco che ti sentivi un po' sprecato. Poi hai deciso di diventare il nuovo eroe action degli anni 2000, e in barba a tutti devo dire che ci sei riuscito, sei tutto d'un pezzo e usi le mani come degli schiacciasassi, sta mano po' esse solo fero, ma se fino a qualche anno fa sceglievi action coi controcoglioni (probabilmente li misuravi con i tuoi, se sono a misura con il resto del corpo), e invece adesso che è successo? 
Insomma io posso anche accettare che fai SEMPRE lo stesso personaggio - quello ex-[insert-here-CIA-FBI-Killer-Agente Segreto] che non vuole più "togliere la vita" (che è il contrario di quello che per alcuni personaggi femminili in cerca di rivalsa è "fare la vita") e si ritira ma il tuo passato ti viene a cercare il più delle volte per farti il culo e tu gli rispondi così:

e, appunto, questo lo accetto e mi sta bene così. Meglio tu che fai sempre quello che spacchi i culi di, che ne so, Jennifer Aniston che fa sempre la fidanzatina nelle commedie orrende. 
Ma possibile che non riesci a capire quando un copione che racconta di un ex-agente assassino che vuole solo vivere la sua vita tranquilla ma il passato lo viene a cercare costringendolo a uccidere tutti è bello e va fatto e invece quando un copione che racconta di un ex-agente assassino che vuole solo vivere la sua vita tranquilla ma il passato lo viene a cercare costringendolo a uccidere tutti fa schifo e non fatto? Devi avere qualcuno che ti consiglia. O forse non sai leggere... chissà.
Insomma Stazzam tu non puoi accettare tutto tutto. Non puoi pensare che un film è bello solo perché farai una scena tête-à-tête con Sofia Vergara, che in effetti può essere un motivo valido per accetare di fare un intero film

ma non sempre. Un pochino devi scegliere. Sennò finisce male, non vorrai mica finire nei film che ora fa Nicholas Cage? Non vorrai mica finire nel girone infernale di quelli che non distingui più i film che fanno? Per non parlare delle locandine, che è inutile che mi fai (succede anche questo troppo spesso nei tuoi film) mille versioni diverse, me fai confusione!

La trama di questo film non la racconto si perché è uguale a tutti gli altri, solo che a Las Vegas (che poi ti vuoi ritirare a vita tranquilla e scegli Las Vegas, che sì, si sa che è un posticino con tutta gente a modino, un ritiro per pensionati proprio...), sia perché in effetti è talmente sconclusionata che i 90 minuti d'ordinanza passano e tu alla fine sei ancora lì a chiederti "ok, qui mi hanno presentato i personaggi, ma la storia quando inizia?"
Le scene di botte, bisogna ammetterlo, sono carine, ma il tutto nuota a questa sceneggiatura talmente assurda, spezzetata, incoerente e mal gestita che pare davvero un filmino delle vacanze di Stazzam. 

Qui è quando ho spaccato la faccia a Milo Ventimiglia. Che ridere.

Qui è quando mi sono seduto a un tavolo del casinò con sguardo truce sperando che quei tre scagnozzi molesti non entrassero nel bar a cercare guai. Se vuoi conosco uno all'agenzia di viaggi ti do il numero, vacci ti dico.
Un film brutto. Se facessero un montaggio delle scene di botte (al ralenti, un po' come quelle di Denzel Washington qualche film di gente che vuole stare in pace ma il passato li costringe a tornare a rompere nasi fa) senza tutto il resto sarebbe meglio. 15 minuti di botte e via.
Dai Stazzam ti prego ripigliati, io ti voglio bene come a un padre, vabbè non esageramiamo come a un fratello. Brother in Stazzam. Tu sei il braccio io la mente, ti va bene? Tu prendi la destra io la sinistra... parlo della Vergara.
Per fortuna sembra che Stazzam - anche archiviata la brutta parentesi Botaxebles - possa fare qualcosa di buono nel prossimo F&F7 e in questo altro di spie (nonostante detesti profondamente Melissa McCharty e il pensiero che farà una Ghostbuster (o due?) mi fa rivoltare:

Ve lo dico. Spyoni è già un trend 2015, ne conto almeno 006 tra commedie, action di Guy Ritchie e Jimmy Bond.
Sta. Sta. Sta. Sta. Sta. Sta. Stazzam Face!