venerdì 11 maggio 2012

TOP GHANA

Red Tails
Trama: L'ugandese volante

Forse non lo sapevate ma durante la Seconda Guerra Mondiale sui cieli italiani volavano degli uccelloni neri. Erano i dimenticati piloti neri della squadriglia battagliera Tuskegee Airman (veri veramente eh! mica peffinta!) perché forse non lo sapete ma volano i neri volano nello spazio tra le nuvole con le regole assegnate a questa parte di universo [...] aprono le ali scendono in picchiata atterrano con i loro aeroplani eccetera. E vola che ti rivola succede che questi gli fanno il culo a stelle e striscie ai nazisti. Yippiayaye.
Ecco gli attori che compongono colorito cast:
Avete notato che grande mancanza? C'è Terrence Howard e c'è perfino Cuba Gooding Jr (che ricordiamo ha vinto un oscar)... ma NON CI STA SAMUEL 25:17! Non va bene eh! Non c'è integrazione vera se in un film di neri non mi ci metti Samuel 25:17!
Dietro la produzione di questo film ci sta Lucas The Hutt, che se non vi ricordate nonostante siamo ben TRENT'ANNI che lui ce lo ricorda mettendo al cinema sempre e solo quei 3 film, è il creatore/regista di Star Wars. E vi sembrerà un azzardo ma si vede, intendo che il regista si è detto per tutto il tempo "questo a Lucas piacerà.. questo lo faccio per citare Lucas...my name is Lucas".
Insomma diciamocelo, questo film è Star Wars, ma senza i pupazzoni e la Forza e al loto posto tante banalissime scene trite di integrazione che servono solo a inframezzare le battaglie aeree (che non sono male, ad Howard Hughes sarebbero piaciute). Infatti ci sono tutte le scene con gli x-wings solo che al posto di lui:
ci sta lui:
Al posto di lui:
lui:
e insomma tutto così:
In un delirio citazionista che accomuna i neri volanti Anni 40 con i piloti arancioni della resistenza e neri dell'Impero (che arancione e nero è la morte nera sua) di una galassia lontana lontana.
Il resto è un filmetto di poco conto che lo capisci già tutto dalla locandina, un film che vanta l'ennesimo SPRECO del più grande attore vivente:
Mi preme anche mettervi una scena che LORO spacciano per VERA Italia recitata in VERO italiano da VERE italiane:
video
Ditemi voi se poi uno non deve incazzarsi! Ditemi voi... a parte ditemi una che dice (con palese accento spagnolo) "non palli italiani" e poi dice HOW... vabbè. Ma la mamma? "americanni mottoricchi mottoricchi". Dio santo. Ma che gli costava prendere una vecchia italiana qualunque che passava di là? Ma poi con tutta la buona volontà che ci voglio mettere nel credere che gli amerigani davvero credono a questa visione del popolo italico così gioviale e innocente durante la guerra non aveva ancora conosciuto le brutture del mondo ma ti pare che le bussa uno nero come il carbone e vestito da fonzie a casa e lei lo fa entrare?! Dai... panealpanevinoalvino, ma te pare? Poi scusa La ciociara? Vabbè. Anche se in effetti ci meritiamo tutto, tutto ci meritiamo...
Spike Lee con Miracolo a Sant'Anna già l'aveva detto comunque. Almeno qui ci sono due tre piroette aeree che tengono alzata la palpebra, ma nulla di più.
So bene che mi sarei potuto fermare al titolo del post che è uno dei migliori mai usciti dalla mia mente non lo potete negare e se mai lo leggerete altrove sappiate che è MIO è che se lo leggete ditemi chi ha osato che gli lancio addosso Samuel 25:17 carlinga compresa.
Chiudo invece con questa foto idiota trovata sul web che è più bella di tutto il film:

Nessun commento:

Posta un commento