venerdì 15 luglio 2011

127 ONDE

Soul Surfer
Trama: Questa di Marinella è la storia vera che lescivolòunbraccionellaboccadellosqualo a Primavera.

Allora c'è questa famiglia felicissima che vive alle Hawaai. Il padre è quell'avvinazzato di Dennis Quaid che ormai ogni scena di ogni film che fa ha stampata in faccia una di queste espressioni:
E prima aveva fascio da vendere. Ora l'ha venduto tutto.
Questi vivono alle Hawaai oggiùdilì. Insomma in un posto che se cerchi sul vocabolario "paradiso terrestre" ci trovi le foto. Infatti loro stanno 12 mesi l'anno in costume, a colazione mangiano bananabread e latte di cocco e stanno sempre a mollo a fare surf. Dennis è il pater familias e non si capisce che lavoro faccia. Come guadagna da vivere? No perché anche alle Hawaii dovrai comprare le cose con i soldi, a meno che qualcuno non mi dimostri che la moneta corrente delle Hawaii sono i fiori di loto. Ma vabbè, facciamo che lui è un insegnante di surf e c'ha questa figlia biondina che fa surf. Fa surf e va a messa, va a messa e fa surf. Alle volte le due cose insieme.
Com'è come non è arriva SQUALO! E le mangia il braccio. Ora, a parte che la scena di squalo è fatta così male da sembrare uno qualunque di questi tre film, uno più brutto dell'altro ma l'altro ancora di più; il problema è che io ero partito credendo di vedere una cosa tipo Open Water e invece no, era più una cosa come il film propanganda di Scientology. Infatti il produttore di questo cattocazzata deve essere stato Dio in persona (che è sicuramente un surfer attempato, tipo Bear per capirci). No infatti non è stata Forza di volontà a farla risalire sul surf dopo essere sgranocchiata da squalo, no, è stato Dio (vi risparmio la scena in cui lei è mozzicata e vede, sì esatto, Tunnel d'acqua:
Insomma a me una ragazzina che vive in mezzo alle palme, la cui unica preoccupazione è trovare le infradito più carine, con una casa che manco Pablo Escobar, ecco, a me quasi che fa più simpatia lo squalo; infatti dài squalo, non ti limitare al braccio, ma portale via pure 'na gamba, che ne so, la testa! Poi voglio dire, devi pure far vedere che non sei da meno rispetto ai tuoi predecessori Spilpiniani:
Attenzione: Segue sequela di battute idiote inevitabili in un post del genere:
- Certo 'sti squali, gli dai la mano si prendono tutto il braccio
- Ma non era uno squalo, era l'avversario co questo vestito:
- Ehy, vuoi una mano?
- Ti vedo un po' morib.onda.
- CErto pure tu, se come sponsor scegli Chappy.
- Chi non è mai stato morso da un pescecane alzi la mano. Nessuno?
Insomma il film è una schifezza pseudotelevisiva con aggiunta di surf (poco) e l'unico sussulto lo regala 'sta tizia qui< ...posso essere quel surf? Vabbè lei è surfista mezzaPRO, che ha fatto anche il prossimo film di Giorgio Clunei, e non stupiamoci se tra a febbraio Giorgio se la porta agli Oscar.
La cosa peggiore del film - oltre alle espressioni attonite di Dennis la Vinaccia - è il buonismo iniettato tipo l'adrenalina di Pulp Fiction. Vi dico solo che la monca protagonista fa pure un viaggio nella Thailandia colpita dallo Tsunami:
Vabbè comunque adesso non è che uno vuole fare il cinico per forze e comunque, trattandonsi di based on real event, lode alla vera surfista a cui è successa questa roba di essere spuntino per squali, brava coraggiosa (cerco secondo me mangiare bananabread aiuta) è tornata a surfare e sono le storie che fanno la felicità degli sceneggiatori HOLYwoodiani (che infatti credo che siano proprio loro che le causano le tragedie, così hanno materiale per nuovi film. Insomma lei brava:
Il film no bravo. Il film merdata inguardabile. Chissà se lei adesso è fidanzata con lui, no dico, per compensare...

4 commenti:

  1. Io so cucinare il bananabread!
    (ma ho entrambe le braccia, così so boni tutti...)

    RispondiElimina
  2. una cattocazzata?
    devo vederla assolutamente uahahaha :D

    RispondiElimina
  3. - ma infatti mi chiedevo com'era il sapore... Bananabread&Broccoli
    - no guarda risparmiati!!! davvero! o magari giusto l'attacco dello squalido squalo che fa molto ridere. il resto è IN SO PP OR TA BILE!

    RispondiElimina