martedì 31 maggio 2011

Qualcuno volò sul culo

The Ward
Trama: Ma se è vero che le bionde non hanno cervello, possono diventare pazze?

Nei manicomi di Hollywood ormai è meglio farcisi rinchiudere che starne fuori, questo è certo. Nel caso specifico entri nella casa di cura e ad aspettarti ti ritrovi loro (e se ti va benissimo pure costrette al letto da camicie di forza o meglissimo ancora con quei camicini con i laccetti dietro.. ma non divaghiamo...):
Ve l'ho già detto che HO UN ESAURIMENTO NERVOSO?! MA NON "FORSE"! CE L'HO ORA! RINCHIUDETEMI ADESSO! SONO DUE ANNI CHE VE LO STO GRIDANDO VIA WEB! Ma a parte questo non è che le altre strutture psichiatriche stanno messe peggio, in quella di Sucker Punch ci trovi le tipe e a darti la pillolina digestiva Giuliani pure Carla Gugino e in quella di It's kind of a funny story al limite ti fai le risate grasse col grassone. Insomma pare una bella cosa, ma non lo è, infatti ci incontri sicuro pure il fantasma che ti ammazza.
Il nuovo film di John Carpenter, solo per essere "nuovo film di John Carpenter" ha creato un'attesa spasmodica in tutti i cinefili della bingobongosfera. Niente di male, figurati, attesa per il nuovo film di uno che ha sul CV roba che ci ha formato intere stisce di DNA tipo Grosso Guaio a Chinatown, Halloween, Fuga da New York, Essi vivono, la capisco pure. Solo che un film non può vivere solo per essere il "nuovo film di John Carpenter", cioè il nome tutelare non basta - fosse così allora anche il "nuovo film di Dario Argento" o il "nuovo film di Briand De Palma" dovrebbero far bagnare i pantaloni di tutti. Io non la vedo così (C&B la pensa al contrario di tanti altri, succede a volte su C&B). Non sto assolutamente dicendo che Carpenter si sia fottuto il cervello al pari dei nomi appena citati, assolutamente. Però non è certo il Carpenter che è diventato tutelare.
The Ward si assesta come un'opera un po' stantia, girata sì con tutti i crismi del genere (e la solita ottima rètro colonna sonora ad opera del succitato Carpentiere, per carità, ma in definitiva un prodotto poco superiore ad un buon film TV (sarà che negli ultimi dieci anni Carpenter ha fatto solo due ep. di Masters of Horror).
A dirla tutta ci sono anche tante cose che forse hanno "viziato" la mia visione personale del film: sono sicuramente assueffato da una tale quantità di horror ad ambientazione ospedaliera che una bionda chiusa in un stanza coi rumori o un'apparizione in fondo al corridoio ormai non mi fanno che un blando effetto placebo; poi il finale, degno di un film del 1999. Non voglio rovinarvelo, ma quando ci arriverete vi cascheranno le braccia, vostre e quelle di tutti gli United States (e vi ho praticamente detto tutto). Poi certo, forse il fatto che mi fossi preso due Zirtec nel pomeriggio per colpa di un'esplosiva reazione allergica potrebbe - e dico potrebbe - aver "assopito" quel tantinello i miei sensi e i miei muscoli (che già non sono poi tanti) da non farmi saltare sul divano quando appare il fantasma che pare Samara, ma a 30 anni. Lo so cosa sembra, che sto spalando merda sul film, ma non è così. Il film è comunque di gran lunga migliore di tanta zozzeria che, come dice la mia cartella cllinica e cinica, mi sorbisco spesso. Quindi ok, The Ward è un buon horror, ma consigliato a chi di horror non si nutre colazionepranzocena come me, altrimenti già verso minuto dieci indovinerete il risibile finale.
Un giorno vi racconterò perché un horror è un bell'horror. Ha sempre qualcosa a che fare con la parola "maledizione". Ora vi mollo questa gif, che non c'entra poi molto, ma mi andava di farla 'ché sono andato in un posto che era una location PERFETTA per un horror, e quando ho visto la motosega, be', non puoi che farci questo con una motosega (non si accettano battute facili sulla posizione dell'attrezzo e il suo nome e il fatto si condividere il post con quella oca bionda che è Amburgherona Heard):

lunedì 30 maggio 2011

★ ZOMBI IS IN THE AIR / IN THE RISING OF THE SUN ★

Era l'alba. L'alba dei Broccoli Viventiiii uuuupauuura e C&B si lamentava in radio, ascoltato (con i tappi per le orecchie) da quelle anime dannate di Nessuno è Perfetto!
video
Ultimo consiglio, a proposito di Radio. Capiterà, di certo capiterà, che durante il vostro vagabondare sulla Terra dei Morti Viventi, di captare con la radiolina (sempre quella di nonno) un segnale del tipo "Venite al Punto Sicuro Longitudine X Latitudine Y, c'è cibo, acqua, donne facili, uomini nerboruto, se magna se beve se fa casino tuttanotte". Ecco voi appena sentite una cosa del genere, alzate i tacchi, fate un giro di 180° rispetto alla meta comunicata e iniziate a correre! Non esiste e non esisterà MAI un Punto Sicuro dagli Zombi. Al posto di stare lì a captare messaggi speranzosi, registratevi tutte le "apparizioni" di C&B in Radio, così gli zombi vi sembreranno il minore dei mali! E mi raccomando, tenete sempre a mente: 
L'UNICO ZOMBI BUONO È UNO ZOMBI VIVO!

Buon Esempio

Role Models
Trama: Paul Rud (che appunto fa SEMPRE il tristo e rude) e Sean William Scott (ma qual è il nome?) che rimorchia a destra e manca sono costretti a 30 giorni di lavori socialmente utili per aver deflorato la statua di un cavallo con un SUV mascherato da minotauro (sì, esatto) e quindi devono passare 300 ore con due bambocci diventando i loro esempi di vita. Per Paul un NERDISSIMO fissatone con il D&D, per Sean una specie di 50Cent in miniatura che ogni volta che apre bocca ti vengono i crampi per lo spasso.

Eccolo, contrariamente agli ultimi due, un buonissimo modello di commedia americana (dove tral'altro e per fortuna la parte romance è abbastanza accantonata - certo non ci risparmiano la scena finale dove il protagonista per riconquistare la sua bella canta stonato sotto gli occhi di tutti superando le sue idiosincrasie con il mondo e dimostrando di essere cambiato, se se -ma vabbè, è digeribile). Davvero una commedia liscia liscia, con personaggi più che azzeccati, soprattutto i due ragazzini (merito anche dei due attori che li interpretano: il NERD è Red Mist di Kick Ass) e più di una manciata di scene divertenti e azzeccatissime (sempre nella sfera della family comedy, sia chiaro). In piena rilassatezza e divertimento sincero (senza bisogno di Momenti Diarrea o surrealismo inutile) si arriva ad una scena finale da antologia (family comedy, again) che addirittura riesce a ribaltare alcune vecchie convinzioni  e quasi ti viene voglia di socializzare con quelli che ricostruiscono le battaglie dei fossi di Helm:
(ma poi finito il film ritorni in te). Certo, a proposito di convinzioni, e nonostante il film mi sia piaciuto e capisca anche la necessaria sottotrama buonista, continuo a non VOLER capire perché se uno VUOLE essere un sarcastico figlio di puttana in guerra col mondo, preso solo da se stesso e totalmente impermeabile agli stimoli esterni, contento solo dell'odio che può provare quando sente alcune frasi banali uscire da bocche altrui (ho appena descritto il personaggio, con pochissime sfumature diverse da film a film che Paul Rud si è cucito addosso, esempio sfumato uomo in carriera + esempio sfumato amicizia virile + esempio sfumato ricerca amore), in una commedia americana non è LIBERO di farlo?! Ma che male c'è? Ma chi l'ha detto che bisogna essere animali sociali! Ma chi? Gli sceneggiatori americani ecco chi! E che voi ogni cosa che dicono gli sceneggiatori amerigani gli date ragione? E che se tutti gli sceneggiatori amerigani si buttano dal ponte voi vi buttate dal ponte? Io sì in effetti. Sono potenti i ponti degli sceneggiatori. Ponte Potente. Ponte Sì.

Zebe Day

Barry Munday
Trama: Lei aspetta un figlio da Lui, non fosse che lui è stato colpito da una tromba (!) proprio lì e adesso non ha più i gioielli di famiglia.

Patrick Wilson. Avete presente? Immagino quanto proprio... vi rinfresco la memoria: Nite Owl di Watchmen. Praticamente un signor nessuno (che funzionava tantissimo in Watchmen PROPRIO per essere un signor nessuno) che ogni tanto spunta nei film e che inevitabilmente ha disfunzioni erettili: è stato torturato nelle parti basse da Ellen Page in Hard Candy, in Watchmen raggiungeva l'apice solo con il costumino attillato addosso, in Due Cuori e una provetta è il donatore di sperma buttato nel lavandino, ne Il buongiorno del mattino non riesce ad arrivare al dunque perché lei è sempre di corsa, in Insidious è meglio che se lo teneva nei pantaloni visto i figli demonietti e qui, zacchete, va in un cinema, entra uno con una tromba, gliela dà sugli zebedei (è già la seconda volta che una tromba viene usata con violenza, ma senza i guancioni gonfi di Louis Armstrong) - insomma un attore del cazzo. 
Quindi si risveglia senza palle, per scoprire di avere le palle necessarie di diventare padre/adulto e smetterla di andare in giro a guardare le cameriere< 
Lei è una scialba sfigatella con fondi di bottiglia come occhiali che lui rimorchia in un bar, il tempo di trombarla e subito dopo essere trombato che perde pure la memoria dell'incontro.
Una commedia che non lascia molto, per colpa di una sceneggiatura poco ispirata che non sa mai da che parte andare, se quella dell'assurdità totale alla Napoleon Dynamite (la caratterizzazione dei personaggi surreale, coi vestiti sempre uguali) o se quella di una Serie Tv (lei è copia della pimp sfigata di Hung (serie che ricorderete che merito ha, in questi giorni pieni di "sdoganamenti", nonché di Happiness ma senza il vetriolo di Sodolonz).
Quindi, in una commedia con una certa concentrazione sui temi pelvici di lui e di allattamento di lei, essere moscia, è la cosa peggiore. Fa sempre bene ritrovarsi Cloe Sevigni in giro, in questo caso anche spogliarellista. Non sia mai che così, damblè, non arrivi il momento di... Mi raccomando le locandine di coppie alle prese con la maternità, mi raccomando originalità...

domenica 29 maggio 2011

All Ass

Hall Pass
Trama: L'Hall Pass è il permesso che le mogli danno ai mariti di godersi una settimana totalmente liberi dai vincoli matrimoniali; tutte quelle cose fastidiose tipo porta a casa i soldi, butta la spazzatura, non "broccolare" la commessa, non scopare la commessa, non crearti un'altra famiglia con la commessa, non chiedere un secondo Hall Pass alla commessa intanto diventata seconda moglie che ti costringe a un doppio turno di porta a casa i soldi, butta la spazzatura, non "broccolare" la cameriera e via così...

Il "nuovo film dei Fratelli Farrelly" ormai non lo aspetta più nessuno. C'è stato un quinquennio quando gli scapestrati Farrelly sembravano aver tracciato una nuova via per la commedia amerigana: Scemo e + Scemo, Tutti Pazzi per Mary, Amore a prima svista: commedie sboccacciate dove non se ne salvava uno: down, ritardati, nani, obesi, storpi, ciechi... tutti messi alla berlina senza rispetto nè eleganza. Ma si rideva, oddio, della grossa, ma si rideva.
Poi un giorno decisero che dovevano diventare un po' più buoni e fecero quella roba immonda di L'amore in gioco (remake di Febbre a 90° con il baseball al posto del calcio e Jimmy Fallon al posto di Colin Firth (ancora non Re). Cioè tolsero gli storpi e misero Drew Barrymore. Lo stesso giorno Apatow firmava per fare il suo primo film. 
Il resto è storia, ma anche no.
Insomma a distanza di 5 anni da Lo spaccacuori (film che nessuno ricorda con Ben Stiller e che infatti non mi ricordo neanche io) ecco che esce questo Hall Pass, con la dolce metà di Ben Stiller, Owen Wilson, che fa uno con i problemi con la sua dolce metà: i soliti problemi da commediola americana di coppia sposata da vent'anni che vuole dare una "botta di novità" alla stantia vita famigliare. A parte il fatto che ogni commedia che si regge su questo presupposto ha del ridicolo: ancora non lo avete capito CHE UOMINI E DONNE NON SONO FATTI PER STARE INSIEME?!? HELLO!? No, lo dico anche a voi che magari state per sposarvi, per dare una "botta di vita" alla stantia vita senza famiglia, preparatevi i cartoncini Hall Pass che ve ne serviranno a bizzeffe, eccome se.
Il film comunque due palle. Due palle soprattutto perché non fa ridere, o peggio, è tipo quel tipo di commedie che iniziano senza un vero inizio, vanno avanti arrancando, e si chiudono solo perché è arrivato il minutaggio giusto. E poi gli attori, spaesati (ma spaesati gli attori eh, non i personaggi), e poi questa cazzo di trivialità becera che proprio non ce la fanno a non metterla. Ora io dico, l'andamento generale non è quello degli Scary Movie di turno, diciamo che è più vicino ad una commedia con Sandra Bullock e Vince Vagon, equivoci, battutine, biondona che tenta, amore che vince. E invece ecco che ogni venti minuti DEVE arrivare il Momento Diarrea. Ho deciso che il Momento Diarrea sarà come dire: ai ragazzini gli fa ridere la cacca (Freud non è che è l'ultimo arrivato) e allora sai che ci metto nella mia commedia degli equivoci (che vorrei non troppo becera)? Sì esatto:
E non scordiamoci che ai ragazzini amerigani molto ridere anche Pisello (-one o -ino, comunque ridere):
(E poi non dite che non penso a voi ragazze, soprattutto nella seconda foto intendo. Non sapete quanto mi costa, non sapete. Colgo l'occasione per sottolineare che ci avevo visto giustissimo con i C&B Awards: il 2011 è palesemente l'Anno del Pisello Sdoganato al cinema e nelle Serie TV (dopo che il 2010 era stato l'anno della Passera Sdoganata. Ma quanto sta male la parola "sdoganata" dopo le attrezzature intime?). 
Insomma tutto il cucuzzaro delle cose inutili all'economia di una commedia sui sentimenti e sugli equivoci. Che poi quanto ci sarebbe da parlare di queste "commedie degli equivoci". Mi è venuta l'idea folle, mentre passeggiavo in un parco vestito vittoriano come Bengiamino Franklin in cerca di ispirazione con un aquilone sdoganato), di leggermi tutto PLAUTO e, per ogni commedia, cercare il film che la "resusicta" e ne ricopia la trama (gemelli che si scambiano, nobili che si travestono da straccioni, vecchi che si fingono morti), che dite?
Ah poi, non manca il personaggio "joker" (che spesso negli Apatow è appannaggio di Will Farrell) in questo caso un playboy attempato che dà lezioni di rimorchio ai mariti in libera uscita e fa cose fastidiose come questa> (Non è un telefono quello che sta mimando, sarebbe una cosa di Tettologia. Ma sai che...aehm e tral'altro è l'unica scena ridere, pensa il resto.). Vabbè insomma i Farrelly perdono totalmente e definitivamente lo smalto (e dire che hanno lavorato bene, anche con Bill Murray e Woody Harrelson in quel pazzeschissimo Kingpin - lo vedremo e anche in Osmosis Jones) e invece adesso si danno a queste commediacce mezzoEmezzo: non sono becere, ma si lasciano andare a qualche "peto"; non sono quel tipo di commedie con una sceneggiatura intelligente e deliziosa, ma vorrebbero esserlo; non sono Wes Anderson. Insomma sono solo inutili e noiosette, non prendono una decisione e fanno il mischione indigesto: che al limite, se io lo so da prima che è un Film Diarrea, magari posso pure pensare di vedermelo, ma quando invece la Diarrea me la metti quando non me l'aspetto, dà molto fastidio (certo è pure vero che...
In più sprecano gli attori: Owen, io capisco pure che per una come Kate Hudson si può perdere la testa e tentare pure il suicidio (a parte che mo' lei sta col cantante dei Muse, quel sorcio, quindi scordatela) però insomma non mi sembra un buon motivo per rovinarsi sistematicamente la carriera. Cioè sei un attore feticcio di Wes Anderson, vorrà pur dire qualcosa per te. Per me vuol dire molto. Ripigliati. 
Come sono finito a fare un post con foto di piselli e pubblicità di filippini con la diarrea non lo so neanche io, mi faccio schifo da solo e ho voglia di cancellare tutto e scrivere: non vedete questo film. Guarda che lo faccio.. lo faccio.. lo faccio davvero..
A proposito di vecchi telefonisti:
RICHARD JENKINS • Che sarebbe? Uno che fa sempre il vecchio, pure quando aveva vent'anni faceva il vecchio. A volte buono, a volte saggio, a volte stronzo, ma sempre vecchio. Annissimi fa, quando C&B non si chiamava C&B e il sabato si comprava le cassette dell'Unità col cinema amerigano e se le vedeva la domenica mattina (mentre oggi scrive le cazzate mette foto ridere piselli sul web) lui già faceva il vecchio in filmissimi come Le Streghe di Eastwick, Blue Steel, Seduzione pericolosa. Poi ha iniziato a fare il vecchio ridere: Tutti pazzi per Mary pure lui, Un corpo da reato, Prima ti sposo poi ti rovino. In C&B lo abbiamo trovato non tante volte, ma invariabilmente nel ruolo di... sì quello: con la barba finta in I ♥ Huckabees (arisdinghe, ma l'hanno fatto tutti 'sto film?) e solo voce nel Topastro Desperaux. Fastidioso sparastronzatenewage in Mangia Prega Ama e "padre" della vampira spaccaculi in Let Me In remake:
Comunque l'hai già visto in giro pure in tanti film dei Coen, da Burn Aftre Reading a L'uomo che non c'era. Ma tanto siccome a me i Coen manco mi piacciono tanto, stica.

WEEK END CON IL MORTO #10 ★ ZOMBIE SPECIAL







(sì ripetita iuvant, soprattutto quando si tratta di zombie)

sabato 28 maggio 2011

The Zombie Network

Benvenuti a Zombieland
Trama: Manuale delle giovani ManMorte

Che poi appunto, di regole e manuali e guide per sopravvivere agli zombi non se ne hanno mai abbastanza. Perché davvero, come piaga sociale, quella degli zombi è proprio la peggiore. Vampiri diamanti, licantropi, mostri marini o quello che vi pare, tutti mostriciattoli che poi alla fine la società non la distruggono mica. I vampiri si adattano e diventano pure affascinanti, i lupi li vedi una volta al mese, il resto va e viene al massimo il mostro della Laguna Nera, basta che non vai a fare il bagno nella Laguna Nera, stai apposto. Invece gli zombi no. Quelli te li trovi in ogni dove e solo davvero l'unico mostro che la società la distrugge nelle fondamenta. Sono la cosa più spaventosa che puoi immaginare. E il loro essere inesorabili li rende il mostro più cattivo di tutti. Che bello se domani arrivano gli zombi. E se mi mozzicano? E vabbè vorrà dire che diventerò un torsolo senza nerbo perso nei suoi incomprensibili diagrammi mentali che deambula quaellà mosso solo dalle sue più triviali e basiche pulsioni, sai che novità. E se non mi mordono? Vorra dire che avrò scoperto di un istinto di sopravvivenza inaspettato, che bellezza.
Ma magari vengono, gli Zombi.
Avevo già visto Zombieland all'epoca, e l'avevo un po' distrattamente - mea culpa - bollato come un film carino ma con pochi zombi. Vero, di zombi non ce ne sono moltissimi, ma, ehy, rivederlo mi ha fatto di un bene, e ho scoperto un film molto più piacevole di quello che mi ricordavo. A parte che già da solo l'opening, come si dice, "kick ass":
Ma è proprio tutto il tono del film che "spacca". Fateci caso, si sono sei attori sei in tutto il film (ivi compresa la ragazza dell'inizio e il grande grandissimo Bill:

E sono uno più freaking cool dell'altro, sia come interpretazioni che come topoi di genere.  C'è Woody Harrelson, col suo mascellone che è di diritto IL migliore della sua generazione (che vuol dire poi... diciamo che ecco, altro che Edward Norton (ho appena scoperto che sarà nel prossimo film di Wes Anderson, paura) che da poco ha fatto capire di essere abbastanza contrario ad un seguito, che DioMorto lo benedica, smettiamola di rovinare tutto con i sequel. Certo, poi i soldi sono i soldi. C'è Jesse Eisenzuckerberg che dopo averci regalato 'sta scena:
e 'st'altra:
ci ricorda che sa fare anche questa:

Ma ok, è il personaggio, anche se c'è la possibilità che ai prossimi C&B Award ci sarà la categoria "Miglior Attore davanti a un computer", creata appositamente per lui. C'è Little Miss Abigail Breslin che quando dice "Twelve is the new twnty" ha ragione da vendere. E poi c'è Emma Stone, che giusto qualche mese dopo ci faceva innamorare di più in Easy A. Sai che forse Emma Stone.. no, dico, vi ricordo che sono cinematograficamente single da un po', dopo che con Julianne e Natalie è finita com'è finita, per colpa loro intendo. No perché Emma, con quella sua voce da nicotinomane e quel suo fare a metà tra il cazzone e il "dovrai guadagnartela, eccome se dovrai" non so.. ha qualcosa che stuzzica. Sì sì mi sa che... staremo a vedere che effetto farà vedere Crazy Stupid Love dove Emma Stone act con Julianne Moore. Vedremo l'effetto di vedere la vecchia e la nuova insieme e decideremo. A(s)proposito, in questo CSL c'è pure Ryan Goslin, che tutti amiamo. Vi devo dire una cosa su Ryan Goslin che mi ha un po' sconvolto [che non c'entra un cacchio con Zombieland, ma ditelo, vi mancava il C&B che passa di palo in frasca senza soluzione di continuità. Dai che lo sappiamo che venite qui perchè la confusione mentale di C&B vi fa credere di essere un po' più sani. Dai, ammetiamolo, dai.]. Insomma a proposito di Ryan Goslin c'è questa foto:
Che mi ha fatto tanta tanta paura. Poi ho smesso di urlare solo dopo aver visto questo. Poi dici "ma magari vengono gli zombi che si portano via tutto, soprattutto i genitori".
Vabbè. Torniamo a noi. Che cosa abbiamo imparato, o ripassato, con questo weekend con il non-morto? Che bisogna darsi delle regole. Nella vita così come nella Guerra agli zombie:


Insomma riscoperta totale sotto nuova luce mortifera (quella della morgue diciamo). Da tenere a mente come visione annuale per rinfrescare la memoria e stare pronti, che arrivano! Sono lenti, ma prima o poi arrivano! A proposito di zombi. Vabbè, se cerchi "zombi" sul uorduaibueb escono più cose che se cerchi "sex". Però ecco a voi una cosa che non è ancora andare qui nel lato perché vanno viste un pò grandi:
Li ha fatti Reztron.

★ GUIDA PER SOPRAVVIVERE AGLI ZOMBI ★

Accettatelo come un dato di fatto: gli Zombi esistono e deambulano tra noi! Gli attacchi documentati sono ormai all’ordine del giorno e solo i più previdenti sapranno come affrontare la Grande Guerra ai Non-morti. Vogliamo venirvi incontro regalandovi un agile fascicolo da stampare, montare e portare sempre con voi; studiatelo con attenzione e approfondite l’argomento il più possibile. Siete ufficialmente iscritti all’Università della Sopravvivenza, dove si studiano i modi più efficaci per far esplodere una testa, come fabbricare un lanciafiamme fatto in casa, come razionare cibi e bevande; George A. Romero è il nostro rettore, Max Brooks l’autore dei testi fondamentali, Jill e Chris i nosti alter-ego virtuali. Siate sempre pronti a scappare, gli Zombi non aspetteranno 28 giorni, non saranno docili come Fido né dementi; correranno come forsennati attirati dal vostro odore e da ogni più piccolo fruscio. Solo i più preparati usciranno vivi dall’Olocausto purulento! Quando all’inferno non ci sarà più posto, i morti cammineranno sulla Terra... ma grazie a NessunoèPerfetto e C&B [e alla guida che trovate qui di seguito e che dovete stampare, piegare incollandone il retro, piegare a mo' di libretto e tenere sempre con voi] SARETE PRONTI
Alcuni film che hanno aiutato C&B a stilare i consigli (oltre chiaramente al quasi omonimo libro di Max Brooks, l'originale): ZOMBI 2 • 28 Settimane DopoRammbockREC 2 • The Walking Dead (Serie TV) • Io Sono LeggendaZombielandL'alba dei morti viventi (2004)Dead AirResident Evil Afterlife3DThe craziesFlight of the Living DeadThe Dead OutsideDance of the deadPontypool • Zombie of Mass DestructionZombie Strippers

venerdì 27 maggio 2011

★ DEAD AIR! ★

Certo che la Paura fa proprio paura! Ci sono stati momenti durante la (non)vita di Chicken&Broccoli in cui le gambe hanno tremato come ossesse, in cui sudori freddi perlavano la fronte e ci immobilizzavano atterriti, in cui abbiamo davvero capito il significato della paura "Terrore". Di cosa sto parlando? Parlo di attività paranormali come: 
Tutto questo per dire che DOMANI! ALLE 6:15 (capito, appena mi ero abituato alle 7:20...) C&B RESUSCITA IN RADIO, su Nessuno è Perfetto, ancora (!) su RAIRadio2 - come si evince dal logo che non manca mai - frequenza 91.2 sulla radiolina di nonno mummificato, oppure in streaming. Ma tanto lo so che poi finite tutti col sentire o il podcast o lo stralcio che vi metto in preda al panico da "sentitemi sentitemi".
Preparatevi ad un viaggio allucinante nelle vostre paure più profonde, tipo quella che un giorno C&B arrivi ad avere un programma tutto suo, e poi finisca in TV e poi si compri la TV  e poi tre TV, sei TV, e poi scenda in campo e tutto questo solo per invitare le lettrici nella sua Villa in Sardegna! 
PURA PAURA!

L'uomo risibile

L'uomo senza ombra
Trama: L'uomo invisibile? Ma dalla locandina avrei detto l'uomo asciugamanino...

Madonna che bello se fossi invisibile. 
Farei tante di quelle cosa che neanche ve le potete immaginare. Innanzitutto andrei ad aiutare i barboni alla Caritas servendo pasti caldi ai bisognosi. Poi sistemerei il traffico della capitale manomettendo le macchine inquinanti. Poi di certo andrei in Antartide per fermare la mattanza dei piccoli e teneri cuccioli di foca. Poi fermerei la produzione di mine antiuomo introducendomi di soppiatto nelle fabbriche cecene. Poi di sicuro farei la scianchetta ai politici che se la meritano proprio durante un comizio. Poi potrei entrare in una banca e ridistribuire con un'abile mossa telematica sui conti i soldi dei ricchi e darli ai poveri del mondo, estinguendo così il debito mondiale. E il bello di tutte queste opere fatte essendo invisibile è che nessuno saprebbe mai che sono stato io, così eviterei quegli imbarazzanti momenti di gloria e quegli inutili ringrazimenti, le opere di bene fatte in maniera anonima sono quello che farei. Farei solo il mio dovere di uomo invisibile, senza approfittarmi mai della situazione. Quante cose farei se fossi invisibile. 
NON come quelle che fa quel porcellazzo di Kevin Bacon, che va a guardare le donnine nude mentre si mettono le cremine e gli fa le zozzate mentre dormono:
e altri porcellazzi su internet ci fanno pure le gif animate (non l'ho fatta io! sia mai!). Ma guarda tu a che bassi livelli ormai ci siamo spinti in questa brutta società senza più valore e senza più rispetto per la donna:
Ma come gli sono venute in mente queste mostruosità! Ti viene dato il dono dell'invisibilità e tu lo vai a sprecare dietro queste fesserie. Ma guarda te alle volte gli uomini sono proprio degli bestie ingrate di fronte al miracolo della vita.  Viva la vita! Che Kevin Bacon la benedica! Bacon, Bacon, si vede proprio che non hai imparato niente dall'insegnamento di Freddie Mercury e dai suoi occhialini futuristici e dall'avveneristica grafica computerizzata di case coi pixel al posto dei mattoni e dalle chitarre che sparano i raggi laser del celeberrimo video:

Inoltre essendo invibile non diventerei un bersaglio facile per tutta la verdura marcia che i lettori vogliono tirarmi da qualche tempo vista la qualità media dei film che sto vedendo. Vabbé sto mese va così, è che sono distratto, ve l'avevo già detto, no? No dico, non si pensasse che C&B vede solo brutti film eh!

Matto Meccanigo

The Lincoln Lawyer
Trama: Ufficio sinistro per l'avvocato bellimbusto Meccanoghi (ci devono essere almeno quattro H e due Y nel suo cognome, eccole H H H H Y Y, mettetele dove più vi pare).

Questo è il classico film che nessuno si apetta. No, scusate, lo dico meglio che sennò detta così sembra tipo che non lo aspettavi e ti ha sorpreso (sorry, sono un po' distratto oggi). Questo è il classico film che non aspetta nessuno, ecco, così si capise meglio. La questione è tutta nel cast. 
Voi aspettate con impazienza il "nuovo film di Matto Meccanego?" O anche solo vi interessa? Aspettate con trepida attesa il "nuovo film con Marisa Tomei?" O anche solo ne avete curiosita? Aspettate che non vedete l'ora di vedere il "nuovo film con Ryan Philippe?" O almeno vi ricordate un singolo film con Ryan Philippe? Aspettate bramosi il "nuovo film con Joah Lucas?" O anche sapete almeno chi è Ryan Philippe? Aspettate con ritmo chicano il "nuovo film di John Leguizamo"? O almeno ve lo ricordate in Carlito's Way? Aspettate con la bava alla bocca il nuovo "film con William H. Macy"? O sapete almeno che è un bravo attore? O anche solo che è un attore?
Ecco perché questo film non lo aspetta nessuno, perché a nessuno glie ne frega niente della carriera degli attori che fanno parte del cast. Manco agli attori stessi. Nessuno che gli piglia la curiosità di controllare su IMBD "ma che diamine starà girando ora [inserisci qui uno qualunque degli attori sopracitati]".
E poi un giorno PUF ecco che il film esce, tu non sai manco da dove è venuto e però: "Oh! Il nuovo film di Matto Meccanigu, Marisa Tomei, Ryan Philippe, John Leguzamo, Josh Lucas e WIlliam H. Macy! CASTONE! Me lo vedo subito!!!".
Poi scopri che è un inutile Legal Thriller come ne hai visti mill,e confusionario e giocato malissimo nell'intreccio thrileer. E la mattina dopo, quando ne devi scrivere distratto da altro, ti ricordi a malapena che attori c'erano. Solo di uno ti ricordi! L'unico attore di cui DAVVERO attendo sempre il "nuovo film":
BOB GUNTON • Ecchillè? Guarda, in realtà C&B lo ha incontrato una sola volta nonostante l'onorata carriera (sua, non di C&B), in quel pasticcio surreale di I ♥ Huckabees, ma tutto il mondo lo ricorda come quel cattivone del direttore del carcere di Shawshank, fregatissimo dal dinamico due BatTim Robin e Morgan Freeman (poi pure tu, che chiusi in carcere uno che si chiama Freeman, vabbé). Comunque ha fatto tanti film e il suo dato distintivo è quello di essere una specie di clone venuto male peggio ancora di Dustin Hoffman. Bravo proprio.

giovedì 26 maggio 2011

Schindler's Fist 2

Unknown - Senza Identità
Trama: First they take his identity, THEN LIAM TAKE BERLIN!

Certo il mondo continua ad essere proprio un posto brutto.
Lo sa bene Liam Naason. Tempo fa gli albanesi in combutta con gli arabi gli rubarono la figlia al telefono e lui dovette prendere un aereo al volo e andargli a fare un culo a stelle e strisce tutto da solo. Credo ricorderete bene, una storia veramente "vaccosa", come scrisse giustamente rinospraynasale88 nei commenti. Ma si sa, in Europa gira proprio gente brutta, e se ben avete studiato almeno fino alla scuola dell'obbligo saprete che la gente più brutta di tutti è sempre stata a Berlino! E infatti ecco che Liam Naason, due metri di cristiano, proprio non riesce a entrargli in testa che lui in EUROPA NON CI DEVE VENIRE! Poi ci intigna con 'sta Berlino: ma che non gli era bastato il casino che era successo la volta scorsa? Vabbè, insomma Liam Naason dall'alto dei suoi quasi due metri e con il suo cranio tutto strano arriva a Berlin:
Com'è come non è fa un incidente pazzeschissimo con un tassì e perde la memoria! Quindi ecco che diventa automaticamente un manzone di quasi una tonnellata:
che vaga senza meta per Berlino in cerca della sua titina, la moglie ariana diciamo. Non fosse che gli dicono che è stato in coma 4 giorni e NESSUNO l'è venuto a reclamare all'ufficio Naasoni scomparsi. Come minimo qualche dubbio ti dovrebbe venire se fai un incidente e tua moglie non ti viene a cercare, un campanello d'allarme... Sarà che tutto quello che lui si ricorda della moglie si limita a questi flash:
Adesso, non venitemi a dire che questi sono ricordi importanti. Io questo tipo di flash ce l'ho praticamente con ogni ragazza carina che incontro... non so voi, ma insomma non ci farei tanto affidamento nel caso dovessi fare un incidente con un tassì a Berlin. Cioè non è che andrei tranquillo per alberghi a fare scene del genere:
Quindi, Berlino + c'era la neve + gente cattiva + tu perseguitato senza un motivo, solo perché immigrato, con una pelle del colore diverso dall'avorio ariano e dai capelli con una tinta diversa dal biondo quasi albino= non c'è che da cercare LA FONTE di tutto questo! Hitler. Che si è tagliato i baffetti e i capelli, ma è lui, è proprio lui:
Però, proprio come ci ha insegnato Lars von Trier, alla fine Hitler va pure capito, e nonostante Liam Naason abbia sempre quel conto in sospeso con Hitler che gli deve ridare la macchina e i gemelli e le scatolette ( non in vetro!) di caviale, Liam non può capirlo che in fondo era tutta una storia di omossessualità repressa:
E si incazza da morire con tutti i Berlinesi. A ad aiutarlo c'è pure Diane Kruger - che infatti era della resistenza pure in Inglourious Basterds - e si scopre che alla fine i buoni erano cattivi (mààvaaa?) e che questa volta gli arabi non solo non c'entrano gnente, ma sono pure buoni:
perché si sono messi a regalare le scoperte di scienziati (sempre spettinati gli scienziati mi raccomando). 
E quindi insomma caro Liam Naason ancora non l'hai capito? STATTENE A CASA TUA! Che in Europa non te ce vogliamo, manco quando vai in Grecia a fare lo Zeus ex Machina! Stattene là, non ce venì quà, che non fai un soldo di danno. 
Riassunto: aridace Frantic.

mercoledì 25 maggio 2011

«I ALWAYS WANTED TO BE A TENENBAUM»

I Tenenbaum
Trama: La famiglia perfetta
Dopo aver digerito Il Treno per il Darjeeling mi era venuta una gran voglia di rivedere I Tenenbaum, e alle voglie bisogna sempre e poi sempre cedere. Che bello è I Tenenbaum? Che perfezione è? Che romanticismo c'è? Che personaggi? Tutto, ogni singolo secondo di questo film è, di nuovo, semplicemente perfetto. Per carità, bisogna amare la calligrafia di Anderson, questo è vero. C'è la (remota, spero) possibilità che invece a voi dica poco, che i personaggi vi sembrino assurdi e irreali, che vi paiano fumetti senza costrutto. Ma se davvero è così vi do il permesso scritto di abbandonare C&B per naufragare verso altri lidi, che forse non siamo fatti per essere amici.
I Tenenbaum sono talmente imperfetti e puri, ognuno perso nelle proprie manie, nel proprio egoismo, che diventano la famiglia più sincera e unita che si possa immaginare. Vedi I Tenenbaum e pensi "perché non posso vivere anche io così? Dicendo sempre e solo la verità, anche quando la verità è una grandissima bugia?". "Perché non posso avere anche io una famiglia così?".
Amo l'inseguimento spasmosdico alla propria ed egomaniaca felicità che ogni personaggio del film persegue dall'inizio alla fine, lasciando liberi di razzolare per le strade senza guinzaglio le proprie manie, i tic, i desideri, anche se significa dipingersi la faccia con pitture di guerra e lanciarsi a 150 all'ora contro un palazzo vittoriano durante un matrimonio. Gli stessi motivi per cui AMO Anderson e il suo Cinema: per il suo egocentrismo, per la sua dialettica del tutto personale riversata senza curarsi troppo delle conseguenze (anche quando esagera come nel caso di Zissou, forse il suo progetto meno riuscito). AMO il lavoro che fa negli intrecci, semplicemente complicati e soprattutto, come è logico, quello che fa sugli attori. Perché essere chiamati da Anderson è la più grande fortuna che possa capitare ad un attore. Sai che dando il tuo corpo ad Anderson rimarrai nella storia, non solo del cinema, intendo proprio il famoso Immaginario Collettivo di cui C&B - e sono sicuro anche voi - si nutre a bocconi. Quando mai altrove avete trovato una Gwyneth Paltrow così brava, sexy, romantica, splendida, vi sfido. Sliding Doors? Ma andiamo, signori, andiamo... 
E Ben Stiller? QUESTO è un personaggio che lo farà ricordare, con le sue manie e le tute adidas, non certo l'antipatico Greenberg:
E Owen Wilson? Non è un drugstore cowboy ridicolo e bellissimo?
E Luke Wilson? Mai e poi mai è stato e sarà così favoloso, barba o non barba:
E Gene Hackman?

GO!!!
Ok, la carriera di Gene è lunga e costellata di splendore, ma quanto sarebbe bello avere un padre così puramente e sinceramente egoista! No quelli egoisti e che lo nascondono pure.
I piccoli particolari, il dito di legno che batte sulla vasca, gli occhiali con la doppia lente tirati giù, Mordecai con le piume bianche, la fascia da tennista. E le copertine dei libri? Non li vorreste leggere tutti?
E Bill Murray? E Pagoda? Ok, devo continuare? Posso continuare se volete... lo sapete che amo la gif. Il pensiero di Eli Cash: «Ho sempre voluto essere un Tenenbaum» riassume quello di tutti noi. Anderson lo sa. Pensate a lui e al fratello illustratore che studiano le stanze dei fratelli Tenenbaum così:
E come noi i mille e ancora mille artisti che si sono fatti ispirare dai Tenenbaum per le loro opere. Eccone un po' (da cliccare):
E non...
Quando morirò, per favore ricordatevi di questo post, e sulla mia lapide scrivete: