lunedì 3 ottobre 2011

MEGASTRONZ

Transformers - Dark of the Moon
Trama: La suoneria del cellulare che ormai li fanno con tutta quella roba che parono robot e alla fine l'ultima cosa che servono è telefona':
E tutti preoccupatissimi, ma mica per la pace del mondo, no, piuttosto preoccupati dalla domanda: come facciamo senza di lei?
Ma per fortuna Michele Spiaggia trova la fre degna sostituta che rinnova anche un po' il concetto di TRANSformer
 
e le mette subito la telecamera de sotto:
Per il resto, c'è un problema che afflige tutti i film dei Transformers: sono brutti.
Chiaramente uno da un film di trasformers non si aspetta la credibilità, questo no, ma ci sono scene che davvero neanche al cirque de soleil, perché voi avete la benché minima idea di quello che il metallo può infliggere alla carne, intendo come ferite, facendo per esempio un incidente stradale. Roba che Rotten.com diventa un sito per educande. Ecco, nei film dei transformers ci si scorda - e troppo, non dico quel po' che basta a farci divertire, come chessò, nei film di Die Hard - che il corpo umano sarà pure una macchina perfetta (e quello di Megan Fox di più) ma se lo fai cadere da un grattacielo e atterrare su una macchina, pure se quella è un transformer, sempre a pezzi finisce, altro che airbag.
Ma poi è l'approccio totalmente sbagliato all'"adrenalina" quello a cui siamo di fronte. Io capisco che tanto il testosterone dei ragazzini amarigani lo alzi con la topa e la macchinina che fa brum brum tutta lucida e cromata, ma la verità è che questi transformer non sono mai stati davvero "gasanti", mai stati belli, sin dal primo episodio, che erano tutti sfumati e facevano solo il tipico rumoretto tantomeno in questo che sono un po' meno sfocati si muovono al ralenti e fanno sempre il tipico rumoretto.
Brutto, dove l'unica scena d'azione decente di robottoni neanche l'ombra (quella degli uomini volanti e del palazzo che crolla), per il resto la noia, la pena per attori che una volta erano anche più o meno seri (Turturro, Malkovich, la McDormand) e tutta quest'azione talmente ripetitiva da rasentare l'immobilità.
Tanto lo sanno tutti che la trilogia sui giocattoli più bello del mondo è un'altra. Se però come me alla fine un pochino ai trasformer come ricordo siete affezionati (soprattuto ai Dinobots) fate un giro qui per capire che c'era qualcosa di bello anche nelle confezioni.
Ad ogni modo' sti film dei giochi anni80 (e continuo a ripetervelo tipo litania "fateeilfiilmdeegliexooginii") aprono le porte a tante possibilità:
haha. che ridere vero? Ecco peccato che poi la realtà non sia troppo lontana dalle stronzate che mi vengono in mente; ecco a voi il film tratto da Battaglia Navale. Ho detto Battaglia - colpitoaffondatomo'questadaduelaspostosennòquestoecheccazzoogninumerochedicemenebeccauna - Navale:
...e il bello è che lo vedrò.

2 commenti:

  1. Sembra carino Battleship, è già candidato per la lista film vaccata 2012

    RispondiElimina
  2. e ti dico che l'inquadratura che si solleva vorticosamente fino ad andare susususu e farci vedere le navi piccole piccole come la vera battaglia navale mi ha sinceramente gasato!

    RispondiElimina